domenica 22 ottobre 2017

Bucs, sempre peggio: prima rimontano, poi sprecano tutto

No, proprio non ci siamo.

Dopo una partita brutta, difficile, complicata, quasi sempre ad inseguire l'avversario (i non irresistibili Buffalo Bills) i Tampa Bay Buccaneers sembravano avere trovato - nel quarto periodo - il modo per tornare in Florida con una W che sarebbe stata di capitale importanza per il proseguimento della stagione.

Prima un fumble provocato e ricoperto da Lavonte David e poi un TD pass di Winston per Mike Evans portavano infatti in vantaggio di sette punti Tampa Bay; 27-20 per i Bucs a 3 minuti e 20 secondi dalla fine, con le migliori condizioni possibili per mettere a segno un bel colpaccio in trasferta.

Peccato che a quel punto Winston e soci abbiano smesso di giocare. Prima la difesa ha concesso - in un minuto - il TD del pareggio e poi nel primo gioco del drive che avrebbe potuto portare i Bucs alla vittoria, ci ha pensato Humphries a commettere fumble e a regalare il possesso a Buffalo.

Inevitabile FG della vittoria per i Bills mentre Tampa Bay, alla terza sconfitta consecutiva, vede il proprio campionato prendere una piega bruttissima.

Con un record di 2-4, ormai non sono più ammessi passi falsi, soprattutto nelle partite con le rivali di division. Già il match di domenica prossima, con i Panthers al Raymond James Stadium, per i Bucs sarà un vero e proprio spareggio. Una eventuale sconfitta vorrebbe dire iniziare a pensare al prossimo draft, e archiviare - ad ottobre! - eventuali ambizioni di postseason.

Oltre a Carolina, va considerato che New Orleans sembra in grande forma, e che i pur non brillanti Falcons sono comunque un avversario tostissimo; davvero si fa fatica a pensare che questi Bucs pasticcioni e inconcludenti, incapaci di vincere anche le partite praticamente già archiviate a proprio favore, possano realizzare un "turnaround" in grado di dare una svolta positiva a questa stagione iniziata così male.

Intanto, quei Cardinals che sette giorni fa avevamo tramortito i Bucs, oggi sono stati spazzati via dai Rams per 33-0. A quanto pare, Tampa Bay ha una speciale capacità di far sembrare fenomeni anche avversari in realtà modesti e mediocri; purtroppo, credo sia fondato il sospetto che i veri "mediocri" siano proprio quelli in Red and Pewter...

sabato 21 ottobre 2017

Winston recupera dall'infortunio e sarà titolare a Buffalo


Ci sono buone notizie in arrivo, dall'infermeria di Tampa Bay.

Jameis Winston, che domenica scorsa ad Arizona aveva lasciato il campo nel corso del primo tempo a causa di un problema alla spalla destra, ha recuperato pienamente dall'infortunio e sarà il QB starter dei Bucs a Buffalo. E finalmente rivederemo sul terreno di gioco anche il LB Kwon Alexander, che nell'attuale stagione ha potuto giocare solamente il primo match contro Chicago.

Il pieno recupero di Winston è di importanza fondamentale per l'attacco dei Bucs (il backup Fitzpatrick non ha demeritato contro i Cardinals, ma chiaramente il buon Ryan è un "ripiego" da utilizzare solo in caso di assoluta emergenza) così come il rientro di un fuoriclasse come Kwon Alexander è di estremo rilievo per la difesa (dopo i recuperi di David e Ward della settimana scorsa).

A Buffalo, sicuri assenti saranno due "riserve" (la safety Robinson e il DE Russell), mentre i vari giocatori "acciaccati" (da Spence a Tandy, da Ayers a Glanton) dovrebbero farcela a recuperare e a disputare la partita contro i Bills.

Dunque, per un match di estrema importanza come quello in programma domani al New Era Field di Orchard Park, i Tampa Bay Buccaneers saranno pressoché al completo, con un'infermeria finalmente quasi del tutto svuotata.

Si diceva dell'importanza del match di domani: sarà fondamentale tornare in Florida con una W (che porterebbe il record dei Bucs sul 3-3) per affrontare nel migliore dei modi il ciclo di partite che deciderà la stagione 2017 di Tampa Bay, e cioè le sei partite contro le rivali divisionali (Saints, Falcons e Panthers), che stanno alternando buone prestazioni a scivoloni inattesi ma che sono comunque al momento - tutte e tre - davanti ai Bucs nella classifica provvisoria della NFC South.

lunedì 16 ottobre 2017

Soliti Bucs, e solito inutile e tardivo tentativo di rimonta

Non tragga in inganno il punteggio finale della partita di ieri tra Arizona e Tampa Bay, conclusasi per 38-33 a favore dei Cardinals.

Si è trattato di una partita equilibrata, come lascerebbe intendere lo score finale?

No, niente affatto, anche ieri si è ripetuto un copione ormai familiare per chi segue i Bucs, con gli avversari di turno (siano essi i Vikings, i Patriots o i Cardinals di ieri) che prendono il largo già nella prima parte del match, e con i Buccaneers che nel finale - quando ormai è troppo tardi per ribaltare l'esito dell'incontro - provano una vana e tardiva rimonta...

Hai voglia a rimontare, quando ti trovi sotto per 0-31...

In più, al match di ieri, aggiungiamo il fatto che il giocatore più importante (Jameis Winston) ha concluso la sua prestazione già nel primo tempo, a causa di un infortunio alla spalla, a partita comunque già ampiamente compromessa.

Tra l'altro, bisogna rilevare che il suo backup, Ryan Fizpatrick, non ha neanche giocato malissimo, anzi, decisamente ci si aspettava di peggio dal QB #14, considerato quanto poco di buono aveva mostrato nelle partite di preseason.

Nell'orribile prestazione di ieri, Tampa Bay è riuscita a far sembrare fenomeni tre giocatori ormai ritenuti (prima che affrontassero i Bucs!) sul viale del tramonto. Palmer, Fitzpatrick e il neo arrivato Adrian Peterson hanno invece tagliato a fette l'approssimativa difesa di Mike Smith, che nel primo tempo ha mostrato una friablità ed una inconsistenza davvero imbarazzanti.

Peterson guadagnava minimo 7 yards a portata, Palmer poteva lanciare in tutta tranquillità (arrivando a completare qualcosa come 14 passaggi consecutivi), e Fitzpatrick riceveva sempre liberissimo (e magari bisognerebbe interrogarsi sulla parabola involutiva di VH III, che al secondo anno di NFL sta facendo davvero molta fatica e mi sembra peggiori il suo rendimento di partita in partita...) mentre dall'altro lato del campo Winston non riusciva nè a chiudere un down nè a sfruttare le potenziali armi del reparto offensivo, che, in teoria, non sarebbero neanche poche (Evans, Jackson, Brate, Martin, Howard, per quanto il rookie da Alabama sia ancora fuori dai giochi e abbastanza spaesato...).

Sotto per 0-31, è iniziato come detto il tardivo e inutile tentativo di rimonta. Ovviamente, come si dice in questi casi, "Too little, too late", troppo poco e troppo tardi per sperare di ribaltare un match dall'esito ormai compromesso in maniera irrimediabile.

Peccato, perché Arizona non è quella squadra di fenomeni che colpevolmente abbiamo fatto sembrare, ed il match di ieri era assolutamente da vincere, per sfruttare i passi falsi di Panthers e Falcons. Ad ogni modo, dopo la trasferta di domenica a Buffalo inizieranno gli scontri divisionali con Carolina, Atlanta e New Orleans, e allora capiremo davvero se questa squadra può ambire non dico ai playoff (un miraggio, ad oggi), ma quantomeno a giocare in maniera dignitosa per tutti e 60 i minuti di una partita di football, non solo per gli ultimi venti.

Ieri, per lunghi tratti, sembrava di rivedere sul terreno di gioco gli "indimenticabili" Buccaneers di Raheem Morris; e detto questo, non mi sembra sia necessario aggiungere altro...

lunedì 9 ottobre 2017

E' Patrick Murray il nuovo kicker dei Bucs


I Bucs hanno scelto il loro nuovo kicker: si tratta di Patrick Murray, già visto in azione a Tampa nella stagione 2014, quando infilò tra i pali 20 FG su 24 tentati, mentre Nick Folk è stato inserito in IR.

Il "tryout" tra i sei kicker convocati oggi a Tampa è stato dunque vinto dal 26enne Murray, che dopo l'esperienza con i Bucs di tre anni fa ha dovuto far fronte a diversi problemi fisici, che lo hanno in pratica tenuto lontano di campi da gioco nelle ultime due stagioni.

Lo scorso anno, prima di infortunarsi al ginocchio, Murray era il kicker dei Cleveland Browns, per i quali ha totalizzato cifre non proprio esaltanti (2/4 nei FG e 3/4 negli XP).

Un grosso in bocca al lupo a Murray, e speriamo di avere finalmente trovato un K "decente" dopo le tante "disgrazie" che si sono avvicendate negli ultimi anni, da Aguayo a Folk passando per Brindza... e dire che sarebbe stato sufficiente mantenere a roster giocatori affidabili quali Matt Bryant o Connor Barth, per evitare lo "psicodramma" a livello di kicker che ha caratterizzato i Bucs degli ultimi anni.

domenica 8 ottobre 2017

Sei kicker in prova, uno di loro sostituirà Folk

Si è conclusa giovedì sera - e non poteva essere diversamente considerata la tremenda prestazione che è costata ai Bucs la vittoria - l'avventura del kicker Nick Folk con la maglia di Tampa Bay.

I tre errori su tre tentativi di FG contro i Patriots, sommati ai numerosi calci sbagliati nelle partite precedenti, fanno sì che Folk termini la sua esperienza in Florida con il poco lusinghiero record personale di 6/11 nei tentativi di FG e un altrettanto insufficiente 7/9 negli XP.

Purtroppo sono cifre degne del peggior Aguayo, che rendono impraticabile l'ipotesi di una permanenza di Folk a Tampa.

E dunque, al momento sono ben sei (vedremo nelle prossime ore se si aggiungerà qualcun altro) i kicker convocati per lunedì dal GM Jason Licht a One Buc Place, per "sfidarsi" tra loro in un "tryout"; il migliore (o il meno peggio...) prenderà il posto di Folk e sarà il nuovo K dei Buccaneers.

Di seguito, un loro breve profilo.

Patrick Murray: già kicker dei Bucs nella stagione 2014, il 26enne Murray  ha saltato per infortunio gran parte delle ultime due stagioni.  Pienamente ristabilitosi, ha disputato l'attuale preseason con i New Orleans Saints.

Josh Lambo: ex K dei Chargers nelle ultime due stagioni, il 26enne Lambo ha fatto registrare lo scorso anno un non esaltante 26-su-32 nei tentativi di FG e un ancora meno brillante 42-su-46 negli extra points.

Cairo Santos: il 25enne brasiliano Santos, ex K dei Chiefs, è il profilo più interessante da un punto di vista tecnico. Purtroppo però il giocatore è ancora alle prese con un infortunio che, di fatto, gli è costato il taglio da parte di Kansas City e che probabilmente lo renderà indisponibile sino a fine ottobre. Il giocatore sarà comunque a Tampa per un controllo medico, anche se nell'immediato il suo problema all'inguine ne rende impossibile l'utilizzo.

Andrew Franks: ex kicker dei Dolphins nelle ultime due stagioni, il 24enne Franks ha registrato nel biennio 2015-16 con Miami un complessivo 29/37 nei FG e un 41/42 negli XP, con un "longest FG" messo a segno dalle 55 yards,

Mike Nugent: veterano di lungo corso dell'NFL, il 35enne Nugent ha già giocato per Tampa Bay nel corso della stagione 2009. Nelle ultime sette stagioni è stato il kicker dei Cincinnati Bengals.

Marshall Koehn: dopo una carriere collegiale a Iowa, Koehn è stato firmato dai Dolphins nel 2016 e dai Vikings nel 2017, venendo tagliato da entrambe le squadre prima dell'inizio della stagione e dunque senza mai disputare una partita in NFL.


Vedremo chi tra questi giocatori verrà scelto come successore di Nick Folk. Per fortuna, tra i "candidati" non figura Roberto Aguayo, che Jason Licht ha avuto il buon gusto di non richiamare a One Buc Place per questo "tryout"...

venerdì 6 ottobre 2017

Gli errori di Nick Folk condannano i Bucs alla sconfitta

Si è concluso con un'amara sconfitta per 14-19 il Thursday Night che ha visto i Buccaneers impegnati contro i New England Patriots.

"Amara" perché - a kicker invertiti - adesso saremmo qui a parlare della terza vittoria in quattro partite disputate, nonostante una prestazione complessivamente non brillante da parte di Tampa Bay, che soprattutto in attacco ha trovato raramente fluidità ed ha fatto molta fatica a chiudere i terzi down e a guadagnare yards, ma che alla fine - c'è poco da girarci intorno - è stata condannata alla sconfitta dagli errori del suo kicker.

Tre FG sbagliati su tre tentativi non si possono regalare a Tom Brady e soci, neppure in questa versione dei Patriots decisamente sottotono rispetto allo squadrone che ha dominato l'NFL negli ultimi 15 anni.

Se è perdonabile lo sbaglio di Folk sul calcio dalle 56 yards in chiusura di primo tempo, lo è decisamente meno il FG calciato male dalle 49 yards, mentre è inammissibile l'erroraccio dalle 31 yards, di fatto la pietra tombale sul match, una mazzata tremenda sulle possibilità di rimonta dei Bucs.

Agli errori di Folk, aggiungiamo l'ottima intesa della coppia Brady-Amendola, e una difesa dei Patriots che, reduce da prestazioni disastrose, a Tampa ha tenuto bene il campo limitando in maniera efficace l'attacco guidato da Winston.

In casa Bucs, positivo il rientro di Doug Martin, che ha ottenuto guadagni importanti e che non è parso affatto "arrugginito" dalle settimane trascorse lontano dai campi di gioco per le note vicende extra-football.

In difesa, considerate le gravissime assenze di elementi fondamentali (in particolare i due LB David e Alexander, ma anche le due safeties Ward e Tandy), qualcosa di buono si è visto, a partire da una linea difensiva uscita dal letargo delle ultime prestazioni, in grado di mettere una certa pressione a Brady nonché di metterlo al tappeto per tre volte (oltre a mettere a segno un intercetto e a recuperare un fumble).

In sintesi, una prestazione non brillante da parte dei Bucs, che pur con parecchie assenze (senza dimenticare che ai Patriots mancava il TE Gronkowski) in una situazione "normale" (cioè con un kicker che non sbaglia 3 FG su 3) la partita di ieri notte l'avrebbe portata a casa.

Ovviamente Nick Folk va tagliato - senza se e senza ma - perché non è riproponibile un giocatore che, dati alla mano, non è più in grado di infilare un pallone tra i pali. Sperando che ad Oakland rientri quanto prima Janikovski "liberando" Tavecchio, adesso Licht deve firmare un kicker (chiunque, tranne Aguayo, va bene!), per evitare che ogni tentativo di FG dei Bucs si riveli uno psicodramma dall'esito scontato...

Le prossime due partite vedranno i Bucs lontani da Tampa, prima ad Arizona poi a Buffalo; come minimo occorrerà ritornare in Florida con almeno una vittoria, per mantenere vivi i sogni di postseason, per poi giocarsi il tutto per tutto negli scontri diretti con le temibilissime rivali di division.

Sperando che, nel frattempo, a calciare FG e XP Licht abbia finalmente trovato un "kicker" degno di questo nome...

giovedì 5 ottobre 2017

Tagliato Jacquies Smith (DE), promosso dalla PS Isaiah Johnson (S)

A poche ore dall'impegnativo "Thursday Night" contro i New England Patriots, i Bucs annunciano una novità a livello di roster, dovuta anche ai numerosi problemi fisici che in questi ultimi tempi hanno colpito soprattutto il reparto difensivo a livello di linebackers e safeties.

E' stato tagliato il DE Jacquies Smith, che proprio di recente aveva pienamente recuperato dal grave infortunio al ginocchio che lo aveva tenuto lontano dai campi da gioco per oltre un anno, ed al suo posto è stato promosso dalla practice squad la safety Isaiah Johnson, un undrafted rookie del 2016 che aveva trascorso la sua prima stagione in NFL interamente nella PS di Tampa Bay.

Tornando alle assenze illustri per il match con New England, anche contro i Patriots i Bucs dovranno rinunciare ai due LB Kwon Alexander e Lavonte David, così come - a meno di improbabili recuperi dell'ultim'ora - dovrebbero essere assenti anche le due safeties T.J. Ward e Keith Tandy.

martedì 3 ottobre 2017

Doug Martin reinserito ufficialmente a roster

I Tampa Bay Buccaneers hanno ufficializzato ieri il reinserimento a roster del RB Doug Martin, che sarà dunque a disposizione di coach Dirk Koetter a partire dal Thursday Night del 5 ottobre in programma al RJS contro i New England Patriots.

Martin ha infatti terminato di scontare i quattro turni di squalifica (uno nella stagione 2017 e tre in quella attuale) che gli erano stati inflitti dall'NFL a causa dell'utilizzo di sostanze vietate ed ora è a tutti gli effetti abile e arruolabile.

Per fargli posto nel roster è stato tagliato il FB/TE Alan Cross, e considerata la difficoltà dei Bucs nel guadagnare yards con i giochi su corsa nelle prime tre partite (a parte qualche buono spunto, quanto sporadico, da parte di Jacquizz Rodgers) è probabile che Koetter decida di impiegare a lungo Doug sin dal match di giovedì contro i Patriots.

Considerato che Charles Sims è ormai utilizzato quasi esclusivamente per ricevere il pallone fuori dal backfield e che Rodgers e Barber sono validi rincalzi a cui non si può chiedere di recitare il ruolo di protagonisti, è evidente l'importanza del rientro di Doug Martin, soprattutto se il RB #22 riuscirà a ritornare sui livelli - eccellenti - del 2016.